Musulmani in Italia

Giornata di studi, “Musulmani in italia. Realtà e prospettive della presenza musulmana in Italia”

L’Università degli studi Niccolò Cusano promuove, martedì 11 febbraio, nell’aula Magna della sede centrale, in Via don Carlo Gnocchi 3, a Roma, una giornata di studi, a partecipazione internazionale, sul tema “Musulmani in Italia”. In Italia vivono 5.186.000 stranieri e fra questi il 32,9% sono di cultura e religione musulmana ( dati UNAR), concentrati soprattutto nelle regioni settentrionali. Circa un milione e mezzo di persone che risiedono in Italia sono musulmane, cioè si ispirano ai precetti di questa religione, definita pure un’ortoprassi, una regola di vita che influenza molti aspetti della vita del credente: dall’alimentazione al vestiario. Anche nelle prigioni della penisola , soprattutto nell’Italia settentrionale, è significativa la presenza di persone di cultura e religione musulmana. Alla data del 30 sett. 2013 su 64.760 detenuti , 22.770 risultavano stranieri e, di questi, circa la metà provenienti da paesi tradizionalmente di religione musulmana ( dati del Dipartimento dell’Amministrazione Penitenziaria).

In Italia, ogni giorno decine di migliaia di operatori della scuola, dei servizi sociali, della polizia, nel mondo del lavoro, ecc., interagiscono con questa realtà, spesso privi di una conoscenza ed una preparazione adeguate. La giornata di studi ed il master sullo stesso tema, “Musulmani in Italia”, promosso dall’Unicusano sono iniziative pensate per offrire una maggiore conoscenza di questa realtà soprattutto a quanti interagiscono con i musulmani italiani ( www.musulmaniinitalia.it ). I lavori della giornata di studi saranno aperti, alle ore 10 di martedì 11 febbraio, da Claudio Lo Jacono, Presidente dell’Istituto per l’Oriente Carlo Alfonso Nallino, con la relazione sul tema “L’Islam visto dall’Occidente. Storia di un’ostinata incomprensione”, sui pregiudizi che, da parte europea, hanno ostacolato nel corso dei secoli una conoscenza reale del mondo musulmano. Il tema dei rapporti tra Europa ed Islam, come tra cristianesimo e cultura islamica sarà ripreso da Valentino Cottini, preside del Pontificio Istituto di studi arabi e di islamistica, sull’attuale stato del dialogo islamo-cristiano, come pure da Jean-Jacques Pérennès , direttore dell’Istituto domenicano di Studi Orientali del Cairo che analizzerà una situazione speculare a quella italiana, l’Egitto, dove una consistente minoranza di Copti cristiani vive nel più grande paese arabo-musulmano del mondo. Izzedin Elzir, presidente dell’ Unione delle Comunità Islamiche Italiane traccerà un quadro della situazione, delle rivendicazioni e delle prospettive della comunità islamica italiana, soprattutto alla luce dei obiettivi raggiunti negli ultimi 10 anni. Sulla questione de “La condizione giuridica dei musulmani e la tutela dei minori di cultura islamica in Italia”, parlerà uno dei maggiori esperti italiani, il prof. Agostino Cilardo dell’Orientale di Napoli, direttore della rivista Studi del Maghreb. In occasione della giornata di studi , verrà presentato da uno dei suoi curatori, il dott. Luca Bontempo, una indagine conoscitiva del Dipartimento dell’Amministrazione penitenziaria ( Sez. III-Analisi e Monitoraggi ) sul tema “Le moschee negli Istituti di Pena” che analizza la situazione carceraria di più di 10.000 musulmani, in riferimento essenzialmente alla pratica religiosa e all’assistenza religiosa nelle carceri. Si tratta di un’indagine dettagliata, su scala nazionale , i cui risultati saranno diffusi in quest’occasione. I lavori saranno chiusi dal  professor Enrico Ferri, promotore dell’iniziativa, che evidenzierà come la presenza di cittadini di origine straniera è una realtà con la quale interagire su un piano di collaborazione, che presenta non solo lati problematici, ma soprattutto una  possibilità di crescita e sviluppo per la stessa società italiana.

scarica la locandina

Servizio ANSA sulla giornata di Studi

LE MOSCHEE NEGLI ISTITUTI DI PENA

Comunicato Stampa 6 Febbraio 2014

Sintesi delle relazioni della giornata di studio